28/05/2017 03:07:09  
 
Berlusconi primo leader moderno

29/09/2016
Ottanta anni in famiglia con i figli, la fidanzata, gli amici. Per chiunque compia questa età è la normalità. Un po’ meno se il festeggiato si chiama Silvio Berlusconi. L’uomo che nella sua vita ha stravolto tutte le regole. Da costruttore immagina non palazzi ma città e nasce così Milano due.

Renzi, giochi truccati

28/09/2016
La fissazione della data del referendum ha provocato violente polemiche politiche. Anche questa decisione, infatti, è apparsa frutto della spregiudicatezza del premier, che usa a suo piacimento le istituzioni di tutti come se ne fosse il padrone e non il garante. Cominciamo, però, con il dare a Cesare quel che é di Cesare.

La grandezza di Aldo Moro

27/09/2016
Le riflessioni commemorative del centenario della nascita di Aldo Moro costituiscono l'ultima ed eloquente dimostrazione dell'inesistenza di un minimo di memoria storica del PD provinciale, ormai ridotto a teatro di un misero scontro tra gruppi, sottogruppi e strenui curatori di interessi personali. La vicenda della crisi amministrativa del Comune denuncia l'assenza di un gruppo dirigente capace di tutelare regole statutarie e prassi comportamentali di eletti nelle stesse liste del partito, tanto meno di delineare itinerari programmatici e politici appena percepibili.

Una nuova legge elettorale

26/09/2016
Finalmente se ne è accorto anche Renzi. La nuova legge elettorale (imposta con la fiducia ad un parlamento di nominati, illegittimo per incostituzionalità del Porcellum, e sull’onda del risultato delle europee) rischia di fargli perdere il referendum perché moltissimi elettori, combinandola con la Costituzione riformata, vi scorgono elementi di deriva autoritaria. Inoltre (ed è la ragione vera!) offre al M5S la possibilità di vincere il sicuro ballottaggio, come è successo nelle scorse amministrative diciannove volte su venti Comuni.

Oltre i giochi del referendum

25/09/2016
La campagna referendaria è in pieno corso. Basta leggere gli ultimi nomi che sono passati o che stanno per arrivare, dalla ministra Boschi al presidente di Confindustria, Boccia, al governatore De Luca, e poi la due giorni solofrana del Pd appena trascorsa a Solofra.

Ora si parli della riforma

24/09/2016
La decisione della Corte Costituzionale di rinviare a data da destinarsi la discussione sulla legittimità della legge elettorale (che è in vigore ma non è ancora mai stata utilizzata) dovrebbe garantire, d’ora in poi, un più sereno svolgimento della campagna referendaria, come auspicato dal Capo dello Stato, finora purtroppo con scarso successo. Ieri si è arrivati al punto che un parlamentare autorevole (?) dei 5 Stelle ha paventato (o minacciato?) il ricorso alla violenza in caso di vittoria del Sì.

Riforma pasticciata e sbagliata

23/09/2016
I principi che Renzi richiama nel proporre e far approvare leggi di riforma sono, in astratto, quasi sempre validi e condivisibili, salvo a tradursi, nei fatti, in provvedimenti che tradiscono i principi che si dicono voler applicare e perseguono fini che vanno nella direzione opposta.

I cento anni di Moro

22/09/2016
Domani avrebbe compiuto cento anni. Aldo Moro era nato il 23 settembre del 1916 a Maglie, in Puglia, figlio di insegnanti elementari. Quando muore barbaramente ucciso dalle Brigate Rosse il 9 maggio del 1978 in molti sostengono che con lui muore la Prima Repubblica quella fondata sui partiti lontana anni luce da questa attuale che si regge sulla politica personalizzata. Il suo percorso è simile a tanti altri protagonisti del dopoguerra.


Riforma e Italicum, partita a scacchi

21/09/2016
Il già complicato panorama politico-istituzionale si è arricchito del colpo di scena del rinvio, da parte della Corte costituzionale, dell'esame dell'Italicum. Nelle prossime ore la Camera discuterà le diverse mozioni sull'argomento.

Quella satira inappropriata

20/09/2016
La riapertura delle scuole nelle zone terremotate, in una magnifica struttura - costruita a tempi da record da parte della provincia autonoma di Trento – costituisce la più concreta ed eloquente risposta alla vituperata vignetta del periodico francese Charlie Hebdo che paragonava i terremotati italiani a «penne al pomodoro».

La Costituzione e le garanzie della libertà

19/09/2016
L’intervento ad Avellino del ministro per le Riforme Maria Elena Boschi per sostenere il Sì al referendum sulla legge di riforma costituzionale che reca la sua firma si presta a diverse considerazioni. La prima è il tono pacato e discorsivo del discorso, assai diverso dalle consuete intemperanze renziane.

Litigi

18/09/2016
Questo nostro tempo che viviamo in Irpinia è connotato da una grande litigiosità. Non c’è accordo su nulla. Si litiga sul Referendum costituzionale senza spiegare le ragioni del Sì e del No, ma solo proponendo una lotta tra la politica di ieri e quella che potrebbe venire. Litigano i Cinquestelle con Di Maio sull’altalena e Raggi, sindaco di Roma, che entra ed esce dalla logica politica.

Come vota l’amico americano

17/09/2016
L’ambasciatore di Washington a Roma ha espresso in termini forse poco diplomatici ma certamente in linea con il pragmatismo a volte rude della politica americana, l’esplicita e non dissimulata valutazione dell’amministrazione Obama sulle imminenti scadenze segnate nell’agenda politica italiana. Giunto alla fine del suo secondo mandato e impegnato a chiudere tutti i dossier internazionali ancora aperti, nella speranza di lasciare a Hillary Clinton un’eredità facilmente gestibile...

L’ambasciatore Phillips e le sue confessioni

16/09/2016
L’argomento di questa settimana sono le clamorose dichiarazioni dell'ambasciatore Usa in Italia John Phillips che, intervenendo, martedì scorso, ad un incontro sulle relazioni transatlantiche organizzato a Roma all'istituto di studi americani, ha spezzato una lancia a favore delle riforma costituzionale asserendo che il 'no' al referendum "sarebbe un passo indietro per gli investimenti stranieri in Italia “Il referendum – ha precisato l’ambasciatore - è una decisione italiana, ma il Paese "deve garantire stabilità politica. Sessantatre governi in 63 anni non danno garanzia".

Ieri e oggi, il tempo di Rea

15/09/2016
Viviamo tempi in cui destra e sinistra sembrano categorie che appartengono più al passato che al presente. Un sistema politico che fa sempre più fatica a relazionarsi con un’opinione pubblica spaventata dalla crisi e senza bussola. Elettori in fuga verso esperienze populiste che vengono viste come l’unica possibile speranza rispetto ai partiti tradizionali che continuano a perdere consensi e fiducia.

Otto ragioni per votare “sì” al referendum

14/09/2016
Secondo me, vi sono almeno otto ragioni per votare «sì» al Referendum costituzionale.. Le enumero: 1) La ragione delle ragioni è che la riforma costituzionale crea le condizioni di una democrazia autentica e decidente, in quanto la titolarità pressoché esclusiva della Camera dei Deputati di fare le leggi ne accresce l’importanza e la responsabilità e la impegna di più e meglio nel controllo del governo. Il quale, a sua volta, può operare più efficacemente, non rallentato dal ping-pong legislativo Camera-Senato. Peraltro solo in Italia c’è il bicameralismo perfetto. E’ inoltre un bene che il Senato si occupi di poche materie e veda vistosamente ridotto il numero dei suoi componenti.

L’emergenza crisi delle nascite

13/09/2016
I temi dominanti del dibattito sostenuto dai mezzi di comunicazione (terrorismo, crisi ambientale, flussi migratori) hanno trascurato uno dei rischi globali, dalle dimensioni sempre più in aumento: la crisi delle nascite.

Il M5S al momento della verità

12/09/2016
Per il M5S è arrivato il momento della verità. La “questione romana” rappresenta un test determinante per valutare se è idoneo a governare una città importante come Roma (premessa fondamentale per candidarsi al governo del Paese), o e se è un bluff come la canea dei partiti, e dei media che li fiancheggiano, lasciano credere, passando al microscopio ogni pagliuzza dei loro occhi, ignorando la trave che hanno nei loro e sottovalutando che la politica, in generale, ed i partiti non possono trarre la loro palingenesi dalla disfatta del M5S.

Uno, cento, mille Pd

11/09/2016
Non so quale sia il suo disegno. Certo è che la posizione assunta nei confronti della città di Avellino, e del suo sindaco, mi appare a dir poco incomprensibile. Subito un chiarimento: di Rosa D’Amelio, oggi presidente del Consiglio regionale della Campania, sono amico vero. Non dimenticherò mai quella giovane ragazza che a mani nude, nella sua Lioni, in piazza San Rocco, nei giorni del terremoto dell’80, con il volto coperto di polvere, rimuoveva le macerie per salvare vite umane.

Dietro il mito dell’antipolitica

10/09/2016
E’ certamente prematuro sentenziare sbrigativamente che il pasticcio capitolino in cui si è infilata la neo sindaca Virginia Raggi segna il fallimento definitivo del Movimento Cinque Stelle come forza di governo alternativa ai partiti di destra e di sinistra che finora si erano scambiati i ruoli di guida del Paese e delle grandi città.



Cerchi un articolo precedente? Naviga tra le pagine cliccando sui numeri qui sotto.
Pagine: 1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   

Cerchi un articolo in particolare? Utilizza la funzione Cerca nel sito per trovarlo in base alle parole chiave.


          Eccellenza
          Promozione
CORRIERE Quotidiano dell'Irpinia fondato da Gianni Festa Notizie e approfondimenti di cronaca, politica, economia e sport con foto, immagini e video. Meteo, annunci di lavoro, immobiliari e auto.