26/04/2017 11:45:42  
 
Dopo Lingotto senza indicazioni

16/03/2017
Svaniti gli effetti speciali, della convention renziana agli osservatori rimane una impressione di singolare mancanza di indicazioni politiche. Certo non deve essere stato facile, per Renzi - con le suggestioni, con le parole e con le promesse ritrovarsi - a rimotivare il Pd. 

Barbarito e i cattolici in politica

15/03/2017
La stampa locale ha già dato ampio rilievo alla scomparsa di Mons. Luigi Barbarito, certamente il più autorevole presule delle diocesi di Avellino. Ho avuto modo, in più propizie occasioni, di conoscere ed apprezzare direttamente mons.

Renzi replicante al Lingotto

13/03/2017
La “Convention” renziana del Lingotto è stata la replica, in tono decisamente minore, delle trionfalistiche “Leopolde” fiorentine. Allo stesso tempo, però, essa ha tentato esplicitamente, già nella scelta evocativa del luogo, di riprodurre il “Lingotto” veltroniano del 2007, fondativo del PD. 

Avellino, città senza futuro

12/03/2017
Una città agonizzante. Senza un progetto. Travolta dalle emergenze. Un partito, il Pd, lacerato. Da una, cento, tante posizioni. Un Consiglio comunale allo sbando, senza una maggioranza coesa. Infine un sindaco incapace di reagire. Prigioniero di una burocrazia sempre più invadente e di un partito che ormai sembra avergli voltato le spalle.

La carta vincente di Gentiloni

11/03/2017
I violentissimi attacchi che Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera ed esponente di punta del Movimento Cinque Stelle, ha lanciato nei giorni scorsi contro il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, lungi dal prefigurare una crisi imminente dell’esecutivo, ne certificano non solo l’esistenza in vita ma anche uno stato di relativa buona salute, peraltro confermato dalle iniziative assunte per fronteggiare alcune emergenze sociali e prepararsi ad appuntamenti internazionali cui l’Italia è chiamata nelle prossime settimane. 

La politica senza fiducia

09/03/2017
La vicenda più importante di questi giorni è quella che sta investendo l’ex premier Matteo Renzi, la sua famiglia (in particolare il padre), il suo amico politico più stretto, il ministro dello sport Luca Lotti e conseguentemente nella bufera ci è finito anche il partito democratico e il governo. 

Dal giglio magico al giglio tragico

08/03/2017
L’inchiesta Consip, con tutti i suoi aspetti melmosi, ha già prodotto i primi effetti politicamente destabilizzanti. E minaccia di travolgere l’establishment renziano e lo stesso governo, con effetti devastanti sugli equilibri politici del Paese. 

Il coraggio dei cristiani laici

07/03/2017
Non pochi amici, impegnati nel laicato cattolico associato irpino, con riferimento alla mia riflessione sulla non totale delegabilità dell'agire politico ai partiti, mi hanno sollecitato ad approfondire ulteriormente le linee di tendenza in atto sulla dibattuta questione della rilevanza pubblica della dimensione religiosa. 

Renzi e la crisi del Pd

06/03/2017
Renzi, in caduta libera dopo lo scandalo Consip, rischia di trascinare con sé il Partito democratico, tra scissioni, tesseramenti gonfiati, avvisi di garanzia. Lo scrive Ezio Mauro su Repubblica. Dopo la sconfitta del referendum la sua smania di rivincita e di riconquistare il partito prima ed il governo poi, dopo un congresso velocizzato, che dovrebbe capitalizzare a suoi favore il 40% dei SI, rischia di arrestarsi per lo scandalo Consip nel quale è incappato anche suo padre, il ministro Lotti ed altri amici del giglio magico, che per l’Espresso è diventato “giglio nero”.

Quelle mazzette sotto le lenzuola che davano potere

05/03/2017
Non dimenticherò mai quella sera dell’estate 1987 allo stadio Partenio. Da poco si era conclusa la partita dell’Avellino (serie A) contro una squadra straniera. All’uscita degli spogliatoi fui violentemente aggredito da un tifoso. Botte da orbi. Ricorsi alle cure ospedaliere.

Il governo in mezzo al guado

04/03/2017
Anche grazie ad una provvidenziale stasi dell’attività legislativa, il governo Gentiloni non aveva fino a ieri subìto contraccolpi dal trambusto politico provocato dalla scissione del Partito democratico. Anzi, i leader del neonato “Movimento democratico e progressista” si erano affrettati a confermare la propria fiducia nell’esecutivo, assicurando che non era assolutamente loro intenzione creare grattacapi al presidente del Consiglio. 

Se il lupo perde il pelo….

03/03/2017
Un antico adagio popolare ci dice che il lupo perde il pelo ma non il vizio. Questo adagio, riferito alle leggi elettorali, si può applicare perfettamente ai principali partiti italiani. Non è bastata la chiara sentenza n. 1/2014 con la quale la Corte Costituzionale ha demolito il c.d. “porcellum”, denunciando l’oscenità di un sistema elettorale che, grazie al premio di maggioranza senza soglia, falsificava le elezioni producendo una distorsione enorme fra la volontà espressa dagli elettori ed il risultato in seggi. 

Sud, il Pd dei notabili?

01/03/2017
E’ stata davvero impietosa l’analisi da Emanuele Macaluso - protagonista di molte battaglie per il Mezzogiorno e storico esponente di primo piano del Pci - affidata alle pagine de “Il Mattino” sulla condizione generale del Pd. In particolare, sulla assenza totale di una politica per il Mezzogiorno, dove il partito sarebbe ormai una formazione di notabili.  

La delega della politica ai partiti

28/02/2017
La ulteriore frantumazione delle presenze partitiche nel panorama politico italiano ripropone l'esigenza di approfondire un postulato tuttora pregnante all'interno dell'attuale dibattito culturale e politico, circa l'interrogativo della totale delega della politica ai partiti. Immediato riscontro a questo postulato è la domanda: quando i partiti si sgretolano e non vengono più stimati dalla stragrande maggioranza della comunità nazionale, le persone portatrici di pensiero, di valori, di proposte credibili, cosa faranno? 

C’era una volta la politica

27/02/2017
Una volta, e mica tanti anni fa, il colore dell’Irpinia era il verde delle sue montagne, dei suoi prati e delle sue valli. E il verde era anche il colore della speranza e del futuro.

Sognando il Mezzogiorno

26/02/2017
Questo Sud è in agonia. E’ prigioniero della malapolitica. E’ travolto dai poteri criminali. Tradito, offeso, umiliato non riesce più a reagire. Lo stato sociale è inesistente. Servizi, sanità, sono solo bocconi di un potere arrogante, clientelare e trasformistico. Così il Mezzogiorno cambia il suo volto. Presenta il conto con fenomeni imprevedibili come quello della criminalità minorile che non ha regole.

Cinque stelle di governo

25/02/2017
Le lunghe giornate trascorse a Roma da Beppe Grillo nel corso della settimana che sta per chiudersi chiariscono meglio di qualsiasi ragionamento l’evoluzione che ha subìto il Movimento cinque stelle alla prova del governo. Calato nella capitale lunedì per convincere la sindaca a dire di sì allo stadio della Roma, già dichiarato opera “di pubblico interesse” dalla giunta Marino, il garante e capo politico del “partito-non partito” che potrebbe vincere le prossime elezioni, si è trovato di fronte alla protesta dei tassisti e degli ambulanti. 

Primarie Sì, primarie No

24/02/2017
Parafrasando Elio e le storie tese, si potrebbe aggiungere un nuovo versetto alla terra dei cachi: primarie si, primarie no: il tormentone italiano Lo psicodramma della divisione del PD ha occupato le cronache politiche dell’ultima settimana ed ha suscitato accese discussioni e pronostici su chi sarebbe rimasto con il cerino in mano della scissione. 

Quando la sconfitta è di tutti

23/02/2017
Quello che appare più evidente nella scissione del partito democratico è il disincanto degli elettori che appaiono smarriti di fronte ad una frattura che ancora una volta colpisce la sinistra italiana. Quando una storia si chiude sono un po’ tutti responsabili. Nessuno può o deve cantare vittoria.

Pd, una grande occasione sciupata

22/02/2017
No, non è una doccia fredda. La scissione del Pd era da tempo nell'aria. Tra i vertici del partito che, rinchiusi nelle logiche di potere, avevano perso il contatto con la realtà. Quella del Paese reale e dei suoi disagi. Non a caso, mentre nel Nazareno si discuteva di come riparare il guasto politico, nel tentativo di salvare il salvabile, nella Roma capitale tassisti e ambulanti, provenienti da tutta Italia, si scontravano con le forze dell’ordine rivendicando diritti negati. 



Cerchi un articolo precedente? Naviga tra le pagine cliccando sui numeri qui sotto.
Pagine: 1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   

Cerchi un articolo in particolare? Utilizza la funzione Cerca nel sito per trovarlo in base alle parole chiave.


          Eccellenza
          Promozione
CORRIERE Quotidiano dell'Irpinia fondato da Gianni Festa Notizie e approfondimenti di cronaca, politica, economia e sport con foto, immagini e video. Meteo, annunci di lavoro, immobiliari e auto.