25/05/2017 08:45:49  
 
L'APPUNTAMENTO
Francesco De Sanctis e il viaggio del ritorno”: la città di Avellino ha celebrato il bicentenario della nascita dello storico





Avellino 20:25 | 29/03/2017
Davanti a un folto pubblico di studenti delle scuole superiori di Avellino è stata ricordata la figura di Francesco De Sanctis, fondatore della storiografia letteraria italiana che con la propria attività impresse una svolta decisiva alla modernizzazione della vecchia Italia preunitaria anche sul terreno etico-politico e pedagogico.

“Francesco De Sanctis e il viaggio del ritorno” è il titolo dell’incontro – patrocinato dalle Amministrazioni comunali di Avellino, Morra De Sanctis e Sant’Angelo dei Lombardi – che si è tenuto al Teatro comunale Carlo Gesualdo di Avellino alla presenza dell’Assessore alle politiche culturali Bruno Gambardella, del Sindaco di Morra De Sanctis Pietro Mariani, del Presidente del Consiglio della Regione Campania Rosetta D’Amelio, del Presidente Gerardo Bianco e del professor Toni Iermano (in qualità di rappresentanti del Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Bicentenario della Nascita di Francesco De Sanctis 1817/2017).

“Voglio ringraziare il Comitato Nazionale per le Celebrazioni del Bicentenerio della Nascita di Francesco De Sanctis che ha pensato di tenere anche ad Avellino un appuntamento per ricordare uno dei maggiori storici della letteratura italiana di tutti i tempi – ha dichiarato il Sindaco Paolo Foti – De Sanctis è stato l’unico deputato nella storia d’Italia ad aver ricoperto per ben tre volte la carica di Ministro della Pubblica Istruzione e il primo Governatore della città di Avellino dopo l’Unità d’Italia (incarico questo conferitogli da Giuseppe Garibaldi). Quando fu nominato per la seconda volta Ministro della Pubblica Istruzione, nel 1878, si adoperò tanto per l’apertura ad Avellino della Scuola Enologica, antenata dell’attuale Istituto Agrario a lui dedicato. Non è la prima volta che la città di Avellino ricorda Francesco De Sanctis – ha ricordato ancora il Primo Cittadino – per il cinquantesimo anniversario della morte nel 1933, fu apposta una lapide commemorativa sulla facciata della Prefettura, e in occasione del centenario della scomparsa, nel 1983, si tenne un importante convegno alla Biblioteca Provinciale, a cui prese parte anche il Presidente Giovanni Spadolini”.

Il personaggio
 

Quest'articolo è stato visualizzato 363 volterEdazione web
Leggi altri articoli in: Avellino





Inviaci il tuo commento

Il tuo nome:
Il tuo indirizzo e-mail:
Titolo:
Il tuo commento:
Codice di verifica:

Codice di verifica
Attenzione: commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità altrui non saranno pubblicati.
Il tuo indirizzo IP ed il tuo indirizzo e-mail saranno registrati nel nostro database, ma non saranno mai resi visibili agli altri utenti.






   

          Eccellenza
          Promozione
CORRIERE Quotidiano dell'Irpinia fondato da Gianni Festa Notizie e approfondimenti di cronaca, politica, economia e sport con foto, immagini e video. Meteo, annunci di lavoro, immobiliari e auto.